PIANIFICAZIONE E PAESAGGIO DELLA SARDEGNA
sardegnaterritorio  ›  agenda  ›  notizie  ›  piano casa: online l'aggiornamento del rapporto di...
Piano Casa: online l'aggiornamento del rapporto di monitoraggio
Pubblicato il Rapporto sul monitoraggio dell’attuazione del “Piano casa” con gli aggiornamenti dei dati a settembre 2013
Dopo oltre quattro anni dall’avvio del “Piano Casa” della Sardegna, i dati del monitoraggio da parte della Regione sull’attuazione della Legge Regionale 23 ottobre 2009, n. 4, come modificata dalla Legge Regionale 21 novembre 2011, n. 21 e prorogata con le Leggi Regionali 23 novembre 2012 n. 22, e 7 ottobre 2013, n. 28, hanno consentito di aggiornare il Rapporto sul monitoraggio dell’attuazione del Piano Casa al fine di valutarne gli impatti rispetto agli obiettivi della stessa legge.
Il rapporto è l’esito di una attività di confronto con i Comuni e di elaborazione dei dati da parte della Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della vigilanza edilizia e che porta a sintesi tre azioni: a) la rilevazione periodica del numero delle istanze “Piano casa” su un insieme di 71 comuni, distribuiti su tutto il territorio e comprendenti una popolazione pari al 62% di quella dell’intera Regione, che consente di avere la dimensione complessiva del fenomeno; b) una rilevazione diretta presso alcuni Comuni, dei dati di dettaglio sulle caratteristiche dimensionali, tipologiche e urbanistiche delle singole istanze edilizie presentate a partire da fine ottobre del 2009, periodo di avvio del “primo piano casa”, considerando, esclusivamente, i dati delle istanze che hanno completato positivamente l’istruttoria, quindi gli interventi che, concretamente, si sono realizzati o si andranno a realizzare; c) l’elaborazioni delle informazioni fornite dai comuni mediante l’invio dei dati raccolti ed elaborati attraverso il software disposto dall’Amministrazione regionale e scaricabile dal sito in conformità alle specifiche di cui alla Deliberazione di G.R. n° 16/17 del 20.04.2010.
Il rapporto consente di cogliere le tendenze fondamentali nell’attuazione della legge.
Infatti, i dati relativi al numero delle istanze, alla loro distribuzione nelle diverse zone urbanistiche, alle diverse destinazioni d’uso, alla tipologia e alla dimensione degli interventi, risultano in linea con le finalità della legge: promuovere il sostegno dell’economia mediante il rilancio del settore edilizio e la attivazione di interventi di dimensioni contenute e di miglioramento della qualità architettonica, della sicurezza strutturale, della compatibilità paesaggistica e del patrimonio edilizio esistente nel territorio regionale. Inoltre l’analisi dei dati complessivi, elaborati dall’entrata in vigore della Legge Regionale 23 ottobre 2009, n. 4 a tutt’oggi, mostra un incremento costanze del numero di istanze ricevute nei 71 Comuni campione e che la stessa non abbia subito particolari flessioni successivamente all’approvazione della legge regionale 22/2012. Tale costante progressione conferma come tale legge abbia ben interpretato le esigenze non ancora soddisfatte della popolazione, e come la domanda di “piano casa” continui ad essere alimentata dai territori.

Consulta il report

Vai alla sezione dedicata